Le notizie di DomoBasket

La comunità del basket domese

UN LIBRO SULLA STORIA DEL BASKET ROSMINI: AIUTATECI A RICORDARE….

L’U.S.D. Basket Rosmini sta per raggiungere i 40 anni di affiliazione alla Federazione.

Era il 1978 quando Eco Risveglio, il noto settimanale ossolano, annunciava la nascita della Ford Negri Basket Rosmini con il titolo “A Domodossola nasce una nuova società sportiva” .

Si tratta della U.S. Basket Ford Negri Rosmini, nata dall’accoppiamento tra la squadra del collegio Rosmini e la concessionaria Ford di Bartolomeo Negri.

Il cenno alla “squadra del Collegio Rosmini” rende evidente come il 1978 non sia stato l’anno zero per la pallacanestro in Ossola, ma quella data segna un momento fondamentale: il basket esce dal Collegio, chiude la sua fase “pionieristica” e diventa punto di riferimento per gli appassionati della zona.

C’è un passaggio importante nell’articolo: “la U.S. Basket Ford Negri Rosmini è formata da elementi che hanno già militato nella <<vecchia>> formazione del collegio e che grazie alla sponsorizzazione potranno riprendere l’attività agonistica ferma ormai da 5 anni”.

Una pausa di cinque anni prima di ripartire: è questo l’elemento che ci fa dire che il 1978 è di fatto l’inizio dell’avventura che ci ha portato ai giorni odierni.

marinelloMichele Marinello, già giocatore e Presidente del basket rosmini ed oggi Responsabile della Comunicazione per la società domese, ha iniziato la raccolta di dati, formazioni, aneddoti e foto per giungere alla pubblicazione di un libro che provi a mettere “nero su bianco” la storia del Basket Rosmini.

Ci saranno gli eroi della promozione in serie B ed i pionieri che battagliavano contro l’acerrima rivale Oleggio negli anni Ottanta.

Una storia di tiri da tre che va da Davide Drutto, passando per TaminiVorfa e Maffioli, fino ad arrivare ai giorni d’oggi; dal primo straniero a Domo (l’americano Corrie Barnett) a Borko Kuvekalovic e Marko Raskovic.

I Capitani storici, i racconti di chi ha visto nascere, fatto crescere e/o vissuto questa grande famiglia.

L’invito, per tifosi ed appassionati, giocatori, allenatori o dirigenti passati o attuali è di scrivere a michele.marinello73@gmail.com  raccontando aneddoti, testimonianze o inviando foto.

Tutti possono essere protagonisti della storia del basket Rosmini… basta aver voglia di scavare nei cassetti dei ricordi.

 

 

Lascia una risposta