Le notizie di DomoBasket

La comunità del basket domese

QUINTETTO DEI PRIMI QUARANT’ANNI: PER ORA E’ STEFANO MAFFIOLI IL PIU’ VOTATO!

Prosegue l’iniziativa che mira a delineare il roster ideale per tifosi ed appassionati dei primi quarant’anni di storia del Basket Rosmini.

Sono già tantissimi coloro che hanno voluto giocare con noi… perchè di gioco si tratta!

Ricordiamo le regole del gioco: si può votare un quintetto ideale (massimo due nomi per ruolo) ed un allenatore (massimo due nomi) tesserati nel Rosmini dalla stagione 1978/1979 alla stagione 2016/2017 (sono esclusi i componenti del roster attuale): il voto via mail a info@domobasket.it o compilando la scheda che si troverà al palazzetto.

In attesa delle prossime partite casalinghe in cui sarà possibile compilare la scheda di voto teniamo viva l’attenzione su questo progetto: è Stefano Maffioli, ad oggi, il giocatore più votato da coloro che hanno trasmesso le loro preferenze via mail o via messaggio.

Classe 1983 Stefano è cresciuto nelle giovanili del Rosmini approdando da protagonista in prima squadra: è stato per anni il miglior marcatore del Domo con una esperienza alla corte di Meo Sacchetti in serie B1 a Castelletto: “nel 2003/2004 lascio Domo per un anno per fare un’esperienza in B1 a Castelletto Ticino, grazie a Citro che mi porta con lui;  vado a fare il giovane in una squadra professionistica e soprattutto un’esperienza che mi porto ancora dietro. E’ stato incredibile il giorno che mi chiamò Meo Sacchetti e al telefono e mi disse << Vuoi venire a giocare da noi?>> .. Ricordo solo di aver detto un “Si” tremolante.” ha raccontato a domobasket.it

“Ho molti ricordi incredibili di quell’anno, ma le cose indelebili nella mente sono i primi punti ufficiali che ho segnato contro Soresina con canestro e fallo e della stima che avevo per Meo Sacchetti! Aveva un carisma unico e ogni cosa che mi diceva era legge per me. Ricordo con piacere anche Portaluppi che era un giocatore con un attitudine al lavoro superiore a tutti, e Alessandro Davolio che mi aveva preso sotto la sua ala e poi Franco “Prelo” Prelazzi che era un Vichingo vero oltre a essere mio compagno di casa. Infine ricordo la felicità per la vittoria del campionato…..Emozioni uniche!”

Continuate a votare…. perchè è bello giocare in campo, ma è divertente farlo anche fuori.

Lascia una risposta