Le notizie di DomoBasket

La comunità del basket domese

MA DI COSA STIAMO PARLANDO?!

Intervista gustosa a coach Arioli di Crocetta: una chicca apparsa sul sito della società torinese ad inizio settimana con alcune frasi che lasciano perplessi; queste le parole dell’allenatore:

‘Per il resto – prosegue Arioli – la partita è stata un lungo inseguimento dovuto all’intimidazione fisica che non abbiamo saputo arginare ad inizio partita. Nel secondo, terzo e ultimo quarto siamo stati in campo con atteggiamento agonistico e tecnico migliore e siamo andati più volte vicini a rientrare’.
Parecchie le decisioni contestate e discutibili: ‘Non parlo dell’arbitraggio, ma del merito del pubblico di casa che crea un ambiente di estrema pressione in cui solo arbitri esperti e di qualità riuscirebbero a non farsi condizionare’.

Ma di cosa stiamo parlando ?!

Due i passaggi che fatichiamo a comprendere e che sono forse frutto di una brutta nottata; il primo: la presunta “intimidazione fisica” che Crocetta non sarebbe riuscita ad arginare ad inizio gara…cosa intenderà mai?!

È questo il modo per spiegare quello zero sul tabellone di Crocetta per metà quarto?

I ragazzi della VINAVIL CIPIR avrebbero intimidito fisicamente gli avversari? Ma stiamo scherzando?

Speriamo volesse parlare di superiorità fisico-agonistica e tecnica che è altra cosa ed è quello che si è visto in campo domenica nel primo quarto citato: Zeneli e Antonietti hanno contenuto un signor giocatore come Conti, Rotundo ha aperto la difesa di Crocetta come una scatola di sardine e Serroni ha giocato la sua miglior partita di questa stagione… di intimidazioni fisiche non ne abbiamo viste… a parte qualche stoppata e qualche palla recuperata; ma poi di cosa stiamo parlando? Conti, Gioria e Ceccarelli che si fanno intimidire? Non scherziamo, dai!

Il video del match di andata lo abbiamo visto più volte….crediamo l’abbia fatto anche Arioli.

Ma di cosa stiamo parlando?!

Secondo passaggio: “il pubblico di casa che crea un ambiente di estrema pressione in cui solo arbitri esperti e di qualità riuscirebbero a non farsi condizionare”… questa invece fa proprio ridere!

Il coach di Crocetta che si lamenta degli arbitri tirando in ballo il condizionamento non si può sentire… come dice il vecchio detto popolare? “Il bue che dà del cornuto all’asino”…

Ma di cosa stiamo parlando?!

Forse per una volta gli arbitri non hanno fischiato a senso unico (o quasi…) e coach Arioli pare essersi dimenticato dei fischi a favore e dei fischi contro registrati in questo campionato.

Si potrebbe chiedere agli amici di Borgomanero … o riguardare il match con Trecate (per restare vicini alle nostre montagne).

Che non sia più abituato ad arbitraggi “normali”? Così diversi dal solito che si ipotizza un condizionamento da parte del pubblico?

Noi abbiamo visto un gran bel pubblico che non ha fatto nulla di condizionante.. ha tifato forte, ma puó fare ancora di più;

il top arriverà con i play off, ne siamo certi.

Arioli chieda a Ceccarelli per sapere come sia il pubblico di Domo nei play off… così eviterà di stupirsi alla prossima gita in Ossola.

La verità è che bisogna saper perdere: Crocetta è una grande squadra, ha giocatori fantastici e con Gioria al 100% sarebbe stata molto dura per i ragazzi di coach Fabbri…. è finita per quello che ha detto il campo.

Fine delle trasmissioni.

Lasciamo stare le scuse che rischiano di passare per ridicole…. e poi…

ma di cosa stiamo parlando ?!

 

 

 

Lascia una risposta