Le notizie di DomoBasket

La comunità del basket domese

MERCOLEDI’ SERA GARA 2: E SARA’ ANCORA BATTAGLIA

Non fatevi ingannare dal risultato finale: il più venti registrato alla sirena (76 a 56) non parla di una partita che fino alla metà del terzo quarto è stata combattuta ed ha visto la VINAVIL CIPIR e la ABET Bra lottare punto a punto.

E’ stata partita tosta: una delle più intense viste al PalaRaccagni quest’anno con l’agonismo in campo che contraddistingue le partite importanti, fondamentali.

Domo e Bra si sono sfidate senza esclusione di colpi, con un arbitraggio discutibile fatto di tanti fischi sbagliati (su entrambi i fronti) che ha rischiato di rovinare una partita di altissimo livello e che ha acceso gli spalti.

Più uno alla fine del primo quarto, più tre alla pausa e poi l’allungo nel terzo quarto grazie all’entrata in partita di Antonietti e Zeneli, fino a quel momento contenuti benissimo dai lunghi braidesi.

Sono capitan Serroni, mvp senza discussioni (23 punti, 6 rimbalzi, 4 assist e 5/10 da tre) e Andrea Tommei (16 punti, 4/8 da tre) a rispondere ai canestri di Bra della prima parte della gara: canestri troppo facili per gli avversari, complice una difesa che ha faticato a prendere le misure soprattutto ai lunghi: Bra è una squadra forte con alcune individualità che possono diventare devastanti.

Emanuele Tarditi ha firmato l’ennesima gara super con 20 punti e 9 rimbalzi pur non trovando la “solita” mira da tre ed il sistema di gioco di Bra ha spesso dato l’impressione di poter prendere il sopravvento ad inizio partita: bella squadra la ABET Bra… lo sapevamo, ma bella squadra la VINAVIL CIPIR che è in grado ogni volta di cambiare protagonisti.

Tancredi Rotundo ha chiuso con 6 punti, 10 assist, 8 rimbalzi e 5 falli subiti: un altro punto esclamativo assoluto di gara uno; e poi Patrick Avanzini a dare la solita sostanza con 8 punti ed una difesa intensa ed efficace.

Antonietti e Zeneli, come detto, hanno sofferto all’inizio sbagliando tanto, ma sono stati determinati nell’allungare; il primo ha chiuso con 8 punti ed il secondo con 13 punti e 6 rimbalzi.

18 minuti per un Fornara convincente che ha dato respiro ad un Borko Kuvekalovic non nella sua serata migliore.

Mercoledì alle 20.30 gara 2: sarà sempre il PalaRaccagni il teatro della sfida e Bra arriverà con la voglia di riscatto ed il desiderio forte di tentare il colpaccio: il pressing a tutto campo degli ultimi minuti potrebbe essere una delle armi per evitare di affrontare gara 3 già con le spalle al muro.

Dovremo essere bravi, forti mentalmente e tosti.

E’ iniziata la finale…. ed è stato un gran bell’inizio.

 

Lascia una risposta