Le notizie di DomoBasket

La comunità del basket domese

LA VINAVIL CIPIR SOFFRE CONTRO UNA GRANDE BRA E VINCE NEL FINALE: E’ DUE A ZERO!

E’ stata una partita fantastica: VINAVIL CIPIR Domodossola ed ABET Bra hanno messo in scena un thriller mozzafiato con una gara che si è decisa a due secondi dalla fine.

Squadre incollate” per tutti i 40 minuti e non poteva essere diverso alla luce della presenza sugli spalti dei vertici della VINAVIL capitanati dall’Amministratore Delegato Taako Brouver; insieme a lui, in tribuna, tanta gente festosa, Sindaco Lucio Pizzi e vice Angelo Tandurella compresi.

Il match è equilibrato, duro e ricco di colpi di scena: come è giusto che sia una finale play off.

Riappare William Wallace sulle tribune, memori dell’impresa con Alba di due anni addietro: e cuore coraggioso è Andrea Tommei che ha in mano il pallone decisivo a 12 secondi dalla fine con Bra avanti di uno; time out di coach Fabbri e rimessa laterale: la palla arriva a Tommy ed il ragazzo che lo scorso anno ci devastò nelle fila della Sangiorgese decide che è arrivato il momento di fare qualcosa di importante per bilanciare il passato da giustiziere di Domo: si capisce subito che vuole chiuderla lui, ma tutti si aspettano una delle sue bombe da tre.

Decide invece di entrare nel traffico del pitturato… sbatte contro un ostacolo insormontabile, vira ed in penetrazione trova un canestro dal coefficente di difficoltà non pervenuto sulla scala Richter.

I due secondi restanti danno il tempo a Bra di provare il tiro da tre che soffoca per qualche secondo la gioia di Domodossola: esplode il PalaRaccagni ed è due a zero.

Vittoria che vale doppio contro questa ABET Bra: perchè Bra è una squadra fantastica (alla fine avrà tirato meglio di Domo, 52% contro il 46% e più di Domo 66 conclusioni contro 63), capace di cambiare totalmente l’approccio rispetto a gara 1 e di preparare alcune soluzioni che hanno messo alle corde i domesi; un Alberti immarcabile chiude con 29 punti e 9 rimbalzi e Andrea Piano mette a referto 20 punti. Bra venderà cara la pelle in casa sua alla luce di un roster completo, di tanta esperienza e di alcune individualità di altissimo livello.

E’ la giusta finale fra le squadre più forti.

Per la VINAVIL CIPIR, detto di un Tommei da urlo (per lui 17 punti e 3 assist), va sottolineata l’ennesima perla di Tancredi Rotundo: 14 punti, 11 assist e 5 falli subiti; è il ragazzo di Calabria a tenere viva la VINAIL CIPIR in alcuni momenti chiave.

Borko Kuvekalovic chiude con 11 punti ed una prova di nuovo convincente e si conferma Patrick Avanzini con 10 punti e più di 26 minuti in campo: Franci Zeneli va per l’ennesima volta quest’anno in doppia doppia (10 rimbalzi e 15 punti), risucendo a contenere il totem Tarditi (saranno 9 i punti per il braidese) e Federico Antonietti (8 punti e 5 rimbalzi)  è il solito prezioso uomo sotto i tabelloni.

Capitan Serroni è il solito trascinatore… determinante per questo gruppo anche quando esce per cinque falli e dalla panchina diventa sesto uomo in campo: un leader vero.

Luci anche per Federico Fornara (3 punti e 6 rimbalzi) che parte male, ma riesce a dare al rientro in campo un grande contributo (15.37 minuti per lui) conalcune giocate decisive nelle fasi finali della gara, compresa una sontuosa stoppata proprio a Tarditi.

Domenica il primo di tre match point per la VINAVIL CIPIR Domodossola: sarà un’ennesima partita combattuta fino alla fine e vincerà chi avrà più cuore e più sangue freddo nei momenti chiave della gara; ieri sera coach Fabbri ed Edo Vercelli stavano già ragionando su quali correttivi tattici apportare per gara tre… perchè per vincere non c’è tempo da perdere in festeggiamenti, perchè gara tre è dietro l’angolo, perchè i cuori coraggiosi vogliono subito tornare in campo.

Forza Domo!

 

 

 

Lascia una risposta