Le notizie di DomoBasket

La comunità del basket domese

IL RISTORANTE ATELIER DELL’HOTEL EUROSSOLA DI CHEF BARTOLUCCI SCENDE IN CAMPO CON LA VINAVIL CIPIR

La società Basket Rosmini Domodossola annuncia con orgoglio l’ingresso di un nuovo prestigioso sponsor: si tratta del Ristorante Atelier dell’Hotel Eurossola di Domodossola.

Un’altra eccellenza del territorio si affianca alla VINAVIL CIPIR – afferma il Presidente Michela Marian -: l’idea di raggruppare attorno alla nostra realtà sportiva aziende ed attività prestigiose si sta concretizzando; vuole dire che il nostro progetto sta crescendo e non possiamo che ringraziare chi ha deciso di puntare su di noi.

È un ristorante con due anime, l’Eurossola di Domodossola. Da una parte quella tradizionale, semplice, legata al territorio. Dall’altra, quella creativa, gastronomica, innovativa e aperta al mondo. Due anime, ma un solo chef: Giorgio Bartolucci, che da qualche anno ha rilevato il testimone dell’hotel ristorante di famiglia dal padre Sergio, cuoco a sua volta, nonché uno dei pionieri della riscoperta e della valorizzazione dell’enogastronomia ossolana in tempi in cui ancora non si parlava di territorio e km zero. «Mio padre negli anni ‘80 ha fatto conoscere al grande pubblico il gnocco all’ossolana e gli straordinari prodotti delle vallate qui intorno» racconta orgoglioso Giorgio. Un rapporto, quello con il genitore, che aiuta a spiegare le due anime. «Mio padre è stato sempre un esempio per me – confida il giovane chef -, ma fin da ragazzo il mio sogno è stato quello di fare alta cucina e di lavorare a Parigi».
Dopo aver raggiunto questo e altri traguardi, e aver inanellato una lunga serie di esperienze in ristoranti stellati in Francia e in Italia, Giorgio è tornato a casa e oggi, con molto realismo, cerca di far convivere la tradizione paterna con la sua idea di cucina innovativa, in cui le materie prime ossolane incontrano prodotti e tecniche dell’alta cucina francese.
Non è solo la tradizione famigliare a dettare il doppio registro della cucina dell’Eurossola. Anche la posizione ha la sua importanza. Siamo in una piccola città alla confluenza di sette valli alpine e al confine con la Svizzera, frequentata sia da turisti sia da uomini d’affari, oltre che da molti frontalieri per il mercato settimanale e da buongustai svizzeri e francesi nei fine settimana.
«La nostra offerta classica negli anni ha conquistato e fidelizzato un gran numero di persone e risponde alle esigenze di fasce di clientela che sarebbe un peccato perdere. La cucina di ricerca, invece, mi permette di esprimere la mia creatività e di attirare nuova clientela gourmet. L’equilibrio non è semplice – confessa Giorgio -. Devo cercare di far bene accontentando entrambi, senza spaventare gli uni o allontanare gli altri».
Chef Giorgio, coaudiuvato dalla sorella Elisabetta e dalla moglie Katia Ferrante saranno lieti di accogliere la grande famiglia del Basket Rosmini Domodossola.
Per conoscere il nostro nuovo sponsor:

Lascia una risposta