Le notizie di DomoBasket

La comunità del basket domese

MICHELE BELLETTI PRESENTA L’OMNIA BASKET PAVIA, NOSTRO PROSSIMO AVVERSARIO

CHI SARA’ LA NOSTRA AVVERSARIA?

Domenica il cammino della Vinavil Cipir incrocerà nuovamente un’altra piazza storica della pallacanestro italiana: l’OMNIA BASKET PAVIA. La città di Pavia infatti, mastica pallacanestro fin dal 1933, quando il GUF (gruppo Universitario Fascista) prese parte per diversi anni alla massima categoria nazionale. Da quegli anni fino ad oggi, gli appassionati di basket pavesini hanno potuto gustarsi un basket quasi sempre di alto livello( Legadue 2000-2001), tra diversi up & down causati da fallimenti e varie fusioni societarie. L’ultima apparizione nel panorama nazionale di Pavia era datata stagione 2011/2012 con la partecipazione al campionato di DNA.  Dalla scorsa stagione, con l’acquisizione dei diritti di serie B e dopo qualche anno trascorso in CGOLD, Pavia si è riaffacciata con ambizione alla terza categoria nazionale, mancando l’accesso ai play-off e costruendo un Roster per competere ai piani alti della classifica nella stagione corrente.

 

PECULIARITA’

La spina dorsale di questa squadra è fatta da Pavesi doc, a partire da coach Baldiraghi, passando per il talento di Giulio Mascherpa e arrivando all’indiscutibile esperienza di Capitan Fabio Di Bella, arrivato a vestire la maglia della Nazionale e partito proprio da una serie D della sua città natale.

TREND

E’ inutile nasconderlo, mai come nel caso di Pavia la classifica è bugiarda e sicuramente l’Omnia a fine anno, non occuperà i piani bassi del ranking, ma scalerà la graduatoria, andando a prendersi le posizioni che le competono. Pavia è reduce dalla vittoria casalinga contro Cecina, prima della quale si era arresa solo dopo un supplementare, sull’ostico campo di San Miniato. Prima ancora il club Pavese ha riscontrato grandi difficoltà, passando anche attraverso l’inaspettata sconfitta sul campo della Virtus Siena, brava a non farsi lasciare sfuggire l’occasione.

ROSTER

Fabio Di Bella (1978) è il super esperto play-maker di questa squadra,bravo nel dettare i ritmi e soprattutto a giocare il P&R, trovando sempre conclusioni per i compagni e per se stesso. Di Bella potrebbe non essere del match a causa di un infortunio riscontrato nel riscaldamento della partita contro Cecina. In guardia ci sarà Giulio Mascherpa (1992), nazionale italiana di 3vs3, talento allo stato puro e dotato di un 1vs1 micidiale, in grado di farlo arrivare al ferro nonostante la statura. Mascherpa può anche tirare da tre punti dal palleggio anche due metri dietro la linea dei 6.75. L’ala piccola sarà l’ex Rieti ed Omegna Nicolò Benedusi(1988), solido in difesa come pochi giocatori in questa categoria e dotato di un tiro da 3pt sugli scarichi, che sta ritrovando nelle ultime partite, dopo un inizio di campionato difficile.  Da quattro giocherà Alessandro Spatti (1995) che l’anno scorso ha vestito i colori bianco rossi di Oleggio; Spatti è un’ala forte moderna, dinamica, che gioca bene uno contro uno fronte e spalle al canestro e che può tirare con continuità anche da 3 punti sugli scarichi. Sotto il canestro ci saranno i kg e i cm di Andrea Iannilli (1984), che la serie B l’ha vinta con la maglia della Fortitudo Bologna e che fisicamente è uno dei lunghi più grossi di tutta la categoria.  Il primo cambio degli esterni è il duttile Daniele Emanuelli (1994) che è un’ala piccola in grado di giocare anche da playmaker in caso di necessità.  Fabio Fazioli (1998) è il cambio del playmaker e con la sua energia e la sua voglia fornisce dei guizzi importantissimi per mantenere alta l’intensità di gioco dei pavesini. Il cambio di Spatti è Angelo Guaccio (1998) che è un super atleta ed è reduce dalla promozione in A2 con la Bakery Piacenza proprio ai danni dei cugini Omegnesi. Infine come cambio del 5 ci sarà Riccardo Crespi (1998), che manca di esperienza vista la sua giovane età, ma non certamente di peso e di altezza, visti i suoi 207 centimetri.

 

Nulla da aggiungere se non che in un momento così buio e delicato il calore dei nostri tifosi sarebbe un bell’aiuto per i ragazzi che scenderanno in campo.

Lascia una risposta